Promozione nelle scuole

 

banner progetto scuola

L’attività dei volontari che durante il corrente anno scolastico (2015/2016)  hanno proposto nelle classi quinte degli Istituti d’Istruzione Superiore di Reggio Emilia il progetto “Donazione come solidarietà”, sta portando i suoi frutti per il secondo anno di seguito. Le scuole coinvolte sono state 14 per un totale di 94 classi e 1965 studenti sensibilizzati. Circa ogni 10 studenti è stato scoperto un nuovo donatore.

DONAZIONE COME SOLIDARIETA’:

Tra le molteplici attività di sensibilizzazione promosse dall’Avis Comunale di Reggio Emilia, gli interventi nelle scuole occupano un posto di rilevante importanza. Riteniamo infatti, che la scuola sia sempre stata il principale punto di riferimento per poter trasmettere ai ragazzi gli importanti valori di altruismo e solidarietà che ruotano intorno al nobile gesto della donazione. Donazione e solidarietà vanno infatti di pari passo e lo scopo del nostro progetto non è solo quello di reclutare nuovi donatori tra i ragazzi appena maggiorenni, ma soprattutto quello di sollecitare atteggiamenti di solidarietà e altruismo. Per tutte queste ragioni, già dallo scorso anno abbiamo sostituito la figura “classica” del medico – che spiegava ai ragazzi in termini strettamente medici come avveniva la donazione del sangue e quali erano i parametri per diventare donatori – con giovani volontari appositamente formati che hanno creato un vero e proprio team di lavoro volto alla sensibilizzazione degli studenti alla cultura della solidarietà ed alla cittadinanza attiva in cui la donazione può essere uno dei primi passi.

IL TEAM DI LAVORO:

I risultati ottenuti sono stati raggiunti attraverso una dettagliata organizzazione che ha previsto:

  1. Invio delle lettere alle scuole per presentare il progetto;
  2. Contatto con le scuole tramite referenti (professori);
  3. Organizzazione di un calendario-incontri;
  4. Corso di formazione “Train the trainer”;
  5. Preparazione per gli incontri in aula (database, e-mail, organizzazione del materiale per gli incontri….);
  6. INTERVENTO DI SENSIBILIZZAZIONE;
  7. Contatto telefonico con gli aspiranti;
  8. Raccolta, elaborazione e analisi dei dati;
  9. Momento di riflessione sui risultati.
  10. Condivisione nuovi obiettivi

METODOLOGIA ATTUATA:

Per raggiungere questo obiettivo è stato organizzato, tra le altre cose, il  corso “Train the trainer” della durata di 20 ore, che ha previsto l’alternarsi di momenti teorici ed esperienziali e ha avuto un formatore professionista come docente. Nello specifico, i ragazzi hanno appreso le principali tecniche di public speaking e “gestione del pierino” attraverso simulazioni d’aula. Contemporaneamente al corso, i volontari hanno applicato la teoria alla pratica incontrando concretamente le classi quinte.

Gli interventi, che hanno coinvolto anche i volontari formatori di AIDO e ADMO, sono stati strutturati in modo da catturare sin dall’inizio l’attenzione dei ragazzi attraverso la proiezione di video emozionanti relativi all’importanza del dono, dopo questa prima fase gli studenti venivano coinvolti direttamente chiedendogli di scrivere su un post-it la prima parola suscitata. I post-it, una volta raccolti e attaccati alla lavagna, venivano riassunti dai volontari rimandando in tal modo l’attenzione ai loro vissuti ed ai loro bisogni / paure. Si partiva dagli elementi emersi dai ragazzi per rispondere a tutte le domande, curiosità e paure che avvolgono la cultura del dono in chiave di possibilitazione: “cosa posso fare io per”.

Alla fine dell’incontro, della durata di circa 50 minuti, veniva data la possibilità di rimanere in contatto con le tre associazione tramite appositi strumenti di coinvolgimento (questionari, volantini, depliant). A coloro che si dimostravano interessati ad intraprendere un percorso di solidarietà, veniva proposta una giornata in cui, presentandosi al Centro Trasfusionale, potevano effettuare gli esami di idoneità per diventare donatori e quindi mettere in atto un primo passo verso la cittadinanza attiva.

RISULTATI OTTENUTI:

Durante il corrente anno scolastico (2015/2016) abbiamo coinvolto 14 scuole e incontrato ben 94 classi per un totale di 1965 studenti. Di questi 270 hanno fatto l’esame d’idoneità e 235 sono risultati idonei.

Ogni 10 studenti incontrati è stato scoperto un nuovo donatore.

Soddisfatti dei risultati che abbiamo ottenuto e convinti dei valori che stiamo diffondendo siamo proiettati ad estendere il progetto in tutta la provincia organizzando presentazioni e convegni e offrendo un continuo supporto alle sezioni Avis che ne hanno bisogno.